Gluteoplastica a Messina per il rimodellamento dei glutei

La gluteo plastica è un intervento di chirurgia estetica che può rimodellare la forma oppure riempire i glutei piatti e rilassati. La gluteo plastica fu eseguita la prima volta in Brasile circa un ventennio fa e nel corso degli anni la tecnica è notevolmente migliorata.

La gluteoplastica è il tipo di intervento che permette il rimodellamento dei gutei

La tecnica del lipofilling è stata introdotta solo da pochi anni ed è utilizzabile specie per i pazienti magri. Le protesi sono in silicone e a seconda della forma l’impianto può essere ovale o rotondo. La forma della protesi viene scelta in base anche a determinate caratteristiche del paziente, come il bacino o l’aspetto del gluteo. Gli interventi di gluteo plastica sono piuttosto rari se paragonati ad altri interventi di chirurgia estetica in considerazione del fatto che si tratta di una tecnica da poco introdotto e soprattutto perché molti pazienti messi a conoscenza delle eventuali complicanze decidono di non operarsi.

Secondo il tipo d’inestetismo che deve essere corretto si adotta una tecnica differente.

Attraverso la liposuzione si aspira il grasso in eccesso, per rimodellare la forma del gluteo invece si usano delle protesi o la tecnica dei microinnesti. Le protesi si usano quando il paziente non ha accumulo adiposo necessario per il lipofilling, queste ultime sono piuttosto robuste per sopportare il peso anche da seduti. L’intervento si esegue praticando un’incisione nella parte alta del solco intergluteo per inserire la protesi. La gluteo plastica mediante lipofilling prevede l’aspirazione del grasso necessario per riempire il gluteo.

Il grasso è impianto grazie ad una serie di microinnesti, nel corso del tempo una piccola percentuale di grassi si riassorbe. Le smagliature possono essere risolte anche con l’uso del laser. L intervento L’intervento deve essere eseguito solo da un medico specializzato, si pratica l’anestesia locale o generale. La durata dell’intervento è di circa due ore. Sono prescritto degli antibiotici e degli antinfiammatori e talvolta possono presentarsi anche delle ecchimosi che scompaiono successivamente.

I punti saranno rimossi dopo circa 5-10 giorni dalla gluteo plastica e la paziente dovrà indossare una guaina contenitiva per una settimana. Si consiglia di dormire in posizione supina per circa 2 settimane e a partire dal secondo giorno è possibile sedersi. Evitare nel primo periodo delle iniezioni intramuscolari. L’impianto di gluteo plastica dura 15 anni. Complicanze gluteoplastica A seguito di un intervento di gluteo plastica possono comparire eventuali complicanze: infezioni, asimmetria dei glutei, rottura della protesi, contrattura della protesi.

Gli spostamenti delle protesi sono piuttosto rari e possono verificarsi se si riprende troppo presto a praticare attività fisica.

L’intervento di gluteo plastica può dare buoni risultati ma occorre seguire attentamente tutte le indicazioni fornite dal medico per il decorso post operatorio. Solo dopo un’attenta valutazione del caso, il medico sceglierà la soluzione più adatta per risolvere l’inestetismo e il paziente dovrà essere sottoposto all’intervento solo dopo aver eseguiti tutte gli esami necessari.

Si tratta, quindi, di un intervento principalmente indicato in pazienti che hanno avuto un importante calo ponderale o in quelli in cui il chirurgo valuta che le condizioni elastiche della pelle non consentano di avere un buon risultato con la LIPOSCULTURA associata o meno al LIPOTRAPIANTO.

Soluzioni alternative o in abbinata alla moderna chirurgia dei glutei

In alcuni casi è possibile ritualizzare in parte lo strato profondo della pelle che viene rimossa (derma e sottocute) per aumentare le dimensioni del gluteo e migliorarne il contorno come è possibile osservare in questo disegno

Il LIFTING DEI GLUTEI è eseguibile in anestesia locale oppure in anestesia generale o spinale e richiede un ricovero in day hospital o di 1 notte in clinica a seconda dei casi. Il risultato che si ottiene è molto naturale e duraturo, soprattutto se si utilizzano le recenti tecniche di “sospensione profonda” dei tessuti che in questo modo vengono saldamente ancorati ai piani profondi.