Lifting e Mini lifting a Messina soluzione chirurgica per viso

La progressiva perdita di funzionalità delle cellule e dei tessuti, caratteristica del processo biologico di invecchiamento, lascia sulla pelle di ognuno di noi segni inequivocabili, primi fra tutti la rugosità e la perdita di elasticità.

La progressiva perdita di funzionalità delle cellule e dei tessuti, caratteristica del processo biologico di invecchiamento, lascia sulla pelle di ognuno di noi segni inequivocabili, primi fra tutti la rugosità e la perdita di elasticità. Infatti, sempre più esigenti davanti allo specchio e sempre meno soddisfatte dell’immagine che appare riflessa: secondo recenti statistiche, 8 italiane su 10 sono scontente del proprio aspetto. E sono molte quelle che ricorrono al bisturi per migliorarlo, tanto che si è verificato un abbassamento dell’età in cui si richiede un lifting: sempre più spesso sono le donne di 35-40 anni ad essere interessate (questa, infatti, è l’età in cui si ha il primo rilassamento della pelle degli zigomi e delle guance, mentre cominciano ad accentuarsi le pieghe agli angoli della bocca)

Il face lift è un intervento di alta chirurgia il cui scopo è il miglioramento dell’aspetto del viso

Si tratta di un intervento chirurgico per il ringiovanimento facciale il quale ha diverse varianti: dalla sola mobilizzazione cutanea, alla sospensione fasciale con o senza aggancio muscolare, dal sollevamento muscolare fino allo scollamento sotto periosteo con scelte chirurgiche talora complementari. Lo scopo è quello di dare un risultato d’insieme che mira ad alleggerire gli anni “anagrafici” oggettivi. Se a questa procedura si unisce l’inserimento di protesi facciali, vuoi sottorbitali e/o zigomatiche, oppure mascellari, si crea un lifting tridimensionale molto bello, suggestivo e duraturo. L’intervento avviene in anestesia locale con sedazione profonda, si traccia un’incisione davanti al padiglione auricolare che poi si dirige dietro di esso e fra i capelli. Scollamento sottocutaneo. Duplicazione delle strutture sottostanti e/o varianti. Punti di adesione e sutura cutanea dopo rimozione della cute in eccesso.

Lifting del collo senza Chirurgia con il metodo Trampoline Lift

A volte basta anche una dieta drastica e il collo cede. Per correre ai ripari ci sono varie tecniche ma i medici della Dermal clinique ne utilizziamo una in particolare molto soft ed efficacissima. Si tratta di una nuova procedura di sollevamento del collo cadente, con un metodo poco invasivo e del tutto privo di effetti collaterali. Richiede solo un’ora e si può effettuare in anestesia locale. La procedura arriva dagli Usa, è stata inventata dal Dr Gregory Mueller e per ora è praticata solo pochi centri.

Ha un nome interessante: The Trampoline Lift. In pratica un filo di sutura viene inserito lungo la mandibola in micro-fori del tutto invisibili e poi annodato in modo da sollevare la pelle del collo cadente. Il nome deriva proprio dalla somiglianza di questa tecnica all’allungamento di un trampolino. Il metodo è già molto diffuso tra le star a Hollywood, chissà se presto non arriverà anche in Italia.

Lifting Viso per correggere i segni del tempo ed eliminare il grasso in eccesso

Il lifting facciale è un intervento di alta chirurgia plastica, il cui scopo è il miglioramento dell’aspetto del viso, per ridonare armonia, tonicità e compattezza ai contorni del volto modificati negli anni dall’invecchiamento cutaneo. Il miglioramento viene ottenuto mediante lo stiramento della cute e dei muscoli della faccia, dove necessario anche con rimozione di grasso. La tecnica chirurgica, più volte perfezionata nel corso degli anni, è ora in grado di ringiovanire il tuo viso, senza stravolgerne la fisionomia e senza impedirne il naturale gioco mimico, come avveniva spesso in passato.

Il grado di miglioramento varia da soggetto a soggetto ed è influenzato dalle condizioni fisiche della cute, dal grado del danno prodotto dalle radiazioni solari, dalle strutture ossee sottostanti e da una varietà di altri fattori. Non si tratta di una semplice trazione verso l’alto, ma anche di uno scollamento più o meno ampio della cute che si riposizionerà sulle strutture sottostanti rimodellate. E’ grazie a questa metodica che il viso ringiovanito dopo l’intervento chirurgico sembra riposato e non “rifatto” in maniera artificiale, con un risultato naturale e duraturo nel tempo. E’ opportuno chiarire che le rughe più profonde vengono certamente attenuate ma non eliminate. Questo perché le rughe sono il risultato sia dell’azione dei muscoli sottocutanei, sia di molteplici fattori ambientali che danneggiano direttamente la pelle.

Quando l’intervento di lifting o Minilifting è necessario?

  • rughe e segni di cedimenti sul volto
  • aspetto generale del viso invecchiato
  • desiderio di ringiovanire l’aspetto del viso, rassodandolo, senza cicatrici
  • caduta delle sopracciglia, “zampe di gallina”, rughe periorbitali (attorno agli occhi), rughe periorali
  • fronte segnata dalle rughe, rughe naso-labiali
  • collo, sottomento e mandibola rilassati e/o con eccedenza di pelle

Il grande vantaggio di un lifting soft o di un mini lifting risiede proprio nella guarigione molto più rapida rispetto ad altre tecniche. Ciò è reso possibile grazie al fatto che invece di tagliare, scollare e riposizionare la muscolatura, questa viene solo saldamente ancorata alle strutture ossee sottostanti. L’intervento di chirurgia plastica è molto meno aggressivo e riduce al minimo tutti i rischi di interessamento nervoso. Si è in grado di tornare ad una normale vita di relazione, familiare e professionale, in circa 1 settimana dall’intervento. Si applica una medicazione moderatamente compressiva per 24 ore e poi porterai una fascia compressiva per 7 giorni, giorno e notte, e poi solo la notte per un’altra settimana. Per la prima settimana dopo l’intervento, riposo assoluto. Nelle prime 24-48 ore, è consigliato riposo a letto. Dopo è possibile alzarsi, ma si consiglia, per i primi 5-6 giorni, di non uscire di casa.

Rimozione delle suture dopo 7-10 giorni. Gonfiore ed ematomi per 1-2 settimane. Durante la seconda-terza settimana, saranno riprese gradualmente le normali attività fisiche. In questo periodo non è consigliabile praticare sport o esercizio fisico, ma se ti senti in grado di farlo possono uscire per passeggiate e per attività sociali non faticose. Dopo la terza settimana qualsiasi altra attività è consentita.

E’ possibile lavare i capelli delicatamente dopo la rimozione delle medicazioni. Altri trattamenti o tinture non possono essere eseguite prima di 3 settimane dopo l’intervento. La guida dell’automobile è consentita dopo 1 settimana, come anche l’attività sessuale (entro limiti ragionevoli). Make up consentito dopo la rimozione delle suture. I fumatori hanno guarigione più lenta e maggior rischio di complicanze. Per ogni tipo di lifting, va ricordato che si deve evitare l’abbronzatura al sole e alle lampade UVA per almeno 1 mese dopo l’intervento di chirurgia plastica. La pelle, infatti, ha bisogno di riposo e, in più, va aiutata con creme idratanti. Attenzione anche al trucco: bisogna utilizzare soltanto cosmetici ipoallergenici, ovvero testati per ridurre al minimo il rischio di irritazioni. Agli uomini si consiglia di essere estremamente prudenti nella rasatura durante il periodo post-operatorio.

L’intervento chirurgico lifting è anche disponibile nella variante corpo

L’intervento di lifting cosce consente di asportare la cute in eccesso dalla parte interna delle cosce. L’intervento viene eseguito frequentemente in anestesia generale e comporta la presenza di cicatrici che partendo dalla regione inguinale raggiungono il solco gluteo. I risultati del lifting cosce sono fin da subito soddisfacenti in relazione all’età ed alla compattezza della pelle del paziente. L’intervento di lifting cosce può essere effettuato nei casi in cui si verifichi un rilassamento cutaneo della regione interna delle cosce, situazione frequente nei pazienti non più giovani o che hanno subito importanti riduzioni di peso in seguito a dieta o interventi chirurgici bariatrici.

Preparazione pre-operatoria per lifting corpo:

Per effettuare l’intervento di lifting cosce è indispensabile che il paziente sia sottoposto ad una accurata visita medica e agli esami pre-operatori standard: elettrocardiogramma, radiografia del torace ed esami ematochimici.  Il paziente dovrà essere in buona salute e in buone condizioni generali.

Al fine di ridurre i rischi di sanguinamento, difficoltà di guarigione delle cicatrici, o problemi come flebiti e trombosi venose, è consigliabile sospendere l’assunzione di farmaci antiaggreganti o fluidificanti del sangue come l’aspirina, eliminare il fumo (almeno due settimane prima dell’intervento) e l’uso di contraccettivi a base ormonale (un mese prima dell’intervento). Il paziente dovrà tempestivamente riferire al proprio chirurgo la comparsa di qualunque sintomo di malattia che potrebbe rendere consigliabile rimandare l’operazione (raffreddore, mal di gola, tosse, malattie della pelle insorte di recente).

Il giorno dell’intervento il paziente si dovrà presentare a digiuno (dalla mezzanotte del giorno prima), con la regione pubica depilata, senza smalto sulle unghie di piedi e mani e con la guaina elastica consigliata dal chirurgo per il post operatorio