Mastopessi chirugica a Messina per rimodellare il seno

Lo scopo dell’intervento di mastopessi è il rimodellamento il seno, sollevandolo e migliorandone la forma, per correggere la ptosi del seno, cioè il seno ceduto, cadente e svuotato. Il lifting fa riacquistare al seno un aspetto più pieno e plastico, apparendo, di conseguenza, anche più sodo e voluminoso.

La caratteristica fisica più associata all’idea di femminilità è sicuramente il seno. Un seno pieno e sodo si associa all’idea di giovinezza e salute, ed esercita sempre una forte attrazione sessuale. Con il passare degli anni, generalmente, il seno tende a svuotarsi e ad abbassarsi. La pelle, infatti, non più elastica e tonica, come in gioventù, si rilassa in modo più o meno marcato e viene meno alla funzione di sostegno. Un inconveniente che può verificarsi anche in giovane età, in seguito ad una gravidanza o ad un dimagrimento eccessivo. Le perdite di peso, la gravidanza e l’allattamento, la forza di gravita e il normale processo di invecchiamento portano progressivamente il seno al rilassamento cutaneo e ghiandolare.

Il risultato è la ptosi mammaria, fonte di grande disagio per la donna. Mastopessi rialzo seno Vi pone rimedio l’intervento di mastopessi, che, eliminando la cute in eccesso e, risollevando la mammella nella sua posizione originale, rialza il seno e gli restituisce l’originaria bellezza; anzi, una volta riposizionata la ghiandola, il seno riacquisterà più pienezza e plasticità, apparendo di conseguenza più pieno e giovanile di prima.

L’intervento di mastopessi semplice (senza inserimento di protesi) non varia però significativamente la dimensione del decollete (in genere, dopo una mastopessi, la misura del reggiseno utilizzato è leggermente più piccola, principalmente per modifiche di forma della mammella). La procedura di mastopessi può essere abbinata ad altre correzioni: se desideri anche un ingrandimento del seno, si provvede all’inserimento di protesi mammarie, oppure, nel caso di rilassamento di seni asimmetrici, cioè uno più grande e/o calato dell’altro, si interviene su quello più piccolo, risollevandolo ed eliminando la pelle eccedente; sul più grande si può effettuare anche una mastoplastica riduttiva, per ridimensionarne il volume e renderlo uguale all’altro. Il risultato della mastopessi sarà duraturo nel tempo, ma si deve essere consapevoli che gravidanze e importanti aumenti di peso potrebbero nuovamente modificare la forma del tuo seno. L’intervento di mastopessi non altera l’integrità della ghiandola, e quindi le possibilità di allattamento, in caso di gravidanza.

È consigliata la procedura di Mastopessi, in caso di:

  • Seno molto grande cadente
  • Seno rilassato post gravidanza
  • Dimagrimento repentino
  • Grasso accumulato in zone “congenite”, che non rispondono a diete, esercizi di dimagrimento, e metodi tradizionali di perdita del peso.
  • In caso di capezzoli che puntano verso il basso e/o piega sottomammaria abbondantemente coperta.

Il tuo percorso post operatorio per la mastopessi con un chirurgo plastico La Dermal Clinique prevede, perlomeno, una prima medicazione tra 2 e 5 giorni dall’intervento di chirurgia plastica ed una seconda all’incirca tra 12 e 17 giorni dopo. Possibile medicazione moderatamente compressiva per 24 ore. Il riposo a letto è raccomandato per il primo giorno. Reggiseno contenitivo individualizzato per 1 mese. Rimozione delle suture dopo 7-14 giorni. Tutti i punti della mastopessi saranno tolti entro questo periodo. Lieve gonfiore ed ematomi per 1-2 settimane, con eventuale dolore al petto ed ai movimenti delle braccia. In media, chi si sottopone alla Mastopessi rientra a lavoro dopo 3-7 giorni.

L’intervento di mastopessi ha una durata di circa 90 – 180 minuti

l seno è la prima parte del corpo femminile a subire un rilassamento, risultando svuotato, cadente e con pelle in eccesso, soprattutto in seguito alla gravidanza o all’allattamento. Allora diviene necessario ripristinare un seno più bello e dall’aspetto naturale, riportando le giuste proporzioni tra pelle (in questo caso, troppa) e ghiandola.

La mastopessi non altera l’integrità della ghiandola, e quindi le possibilità di allattamento.
Scegliendo un’organizzazione specializzata (oltre il 60% degli interventi effettuati sono interventi di chirurgia estetica del seno, il 10% di mastopessi), potrai scegliere chirurghi plastici specializzati nel BREAST UPLIFT, con tecnica “ROUND BLOCK (cicatrice periareolare)”, oppure “SHORT SCAR LIFT (a cicatrice corta)” – a seconda delle necessità,  che assicurano:

  • un’unica incisione periareolare (sempre invisibile per il cambiamento di colore tra pelle ed areola del capezzolo); o, in casi estremi di mammella particolarmente scesa (distanza areola-clavicola di circa 30 o più cm.) o di dimensioni tali da far risultare la tecnica al limite della riduzione mammaria, una breve cicatrice verticale al di sotto dell’areola mammaria (nelle tecniche più moderne, la tradizionale e ben più evidente cicatrice orizzontale, lungo il solco mammario, viene sempre evitata)
  • intervento dai tempi contenuti (90/120 minuti), in day hospital
  • convalescenza più rapida ed agevole.

La procedura di Mastopessi ha la funzione di rassodare e sollevare i seni e riposizionare areola e capezzolo “in posizione naturale”.