Decidere di sottoporsi ad un Trapianto di Capelli è una decisione molto importante con effetti non solo sull'aspetto estetico del paziente ma anche e soprattutto sul suo senso di autostima Per questo motivo è importantissimo che il paziente si informi correttamente e si affidi a professionisti seri e qualificati.

In questa pagina cercheremo di fornire alcune informazioni per guidare il paziente verso una scelta sicura e consapevole.

Trapianto con Tecnica FUE

Si tratta di un autotrapianto, quindi il paziente si "autodona" i follicoli dalla propria zona occipitale (nuca), che di norma non viene interessata dall'alopecia androgenetica nella zona ricevente.
Nel trapianto capelli FUE (Follicolar Unit Extraction), i capelli per l'autotrapianto vengono prelevati con un apposito strumento chiamato Punch, che permette l'estrazione dei capelli senza effettuare incisioni chirurgiche.
La tecnica FUE garantisce un recupero rapido, in quanto non si applicano punti di sutura consentendo alla zona donatrice di recuperare più velocemente. Fino a poco tempo fa si riteneva che fosse sconveniente applicare la tecnica FUE su pazienti con i capelli ricci. Oggi, grazie ai recenti sviluppi tecnologici è possibile trattare senza problemi anche i pazienti con capelli ricci e mossi. In ogni caso, per facilitare il compito utilizzando la tecnica FUE, è opportuno tagliare i capelli molto corti prima dell'intervento. Fasi del trapianto capelli FUE
1. Prima dell'intervento di trapianto capelli il paziente esegue degli esami di routine
2. Prima dell'intervento si fa un piano molto accurato con disegni e foto per stabilire gli obiettivi
3. Viene preparata la zona donatrice e si pratica anestesia locale
4. Si procede al prelievo con un Punch sottilissimo, in genere 0,6 o 0,7 mm
5. Dopo il prelievo si pratica l'anestesia locale nella zona ricevente e si praticano delle piccole incisioni dove poi vengono inseriti gli innesti.

Non essendo stati applicati punti di sutura, la guarigione nel trapianto capelli FUE è molto rapida
Dopo 3 mesi i follicoli trapiantati daranno luogo a nuovi capelli che ricominceranno il loro ciclo vitale. I risultati definitivi saranno evidenti dopo 10-12 mesi.
Il nostro centro offre un servizio di elevatissima qualità per garantire al paziente il massimo della cura e dell'attenzione prima, durante e dopo l'intervento.
Ovviamente in occasione del primo consulto il paziente riceverà tutte le informazioni di cui necessita

Terapia infiltrativa : PRP

L'infiltrazione sul cuoio capelluto di sostanze nutrienti, vasoattive ed antiinfiammatorie può risultare molto utile nel contrastare la perdita dei capelli.
Da alcuni anni si parla dei trattamenti rigenerativi del cuoio capelluto, principalmente basati sui Fattori di Crescita Piastrinici (PRP), che si sono dimostrati in grado di apportare notevoli benefici ai follicoli piliferi del cuoio capelluto, determinando un notevole rallentamento della calvizie e, spesso, un notevole miglioramento della situazione generale dei capelli. Sarebbe a dire l'infiltrazione di un concentrato di piastrine ottenuto dalla centrifugazione del sangue del paziente.
In pratica si sfrutta l'azione rigenerante che le piastrine determinano a livello di un tessuto lesionato per ottenere una stimolazione dei follicoli che determinano la crescita dei capelli.
Il fastidio per il paziente è minimo, se non nullo

Terapia Medica

Dall'analisi della letteratura medica internazionale solo due Medicinali sono ufficialmente riconosciuti, per ora, come in grado di rallentare la progressione della calvizie androgenetica e, in qualche caso, rinforzare i capelli ancora esistenti:
MINOXIDIL viene usato in forma di lozione, al 2% nella donna ed al 5% nell'uomo.
FINASTERIDE viene usato per via generale in compresse, al dosaggio di 1 mg al giorno
Minoxidil è stato approvato nel 1988. Studi hanno mostrato un significativo aumento del numero di capelli sia in uomini che in donne. L’efficacia del Minoxidil dipende dall’estensione della calvizie e non sarà possibile un recupero dell’intera capigliatura nei casi in cui la caduta sia particolarmente grave. I casi di caduta di capelli meno estesa possono ottenere un miglioramento molto più significativo, attraverso l’uso di Minoxidil, rispetto ai casi di calvizie molto estese.
Finasteride è approvata per l’utilizzo solo negli individui di sesso maschile. Le donne non dovrebbero assumere Finasteride, o maneggiarne le pastiglie, perchè questo potrebbe causare deformazioni nei feti di sesso maschile. Gli studi indicano come la Finasteride sia un efficace trattamento per la calvizie, agendo sia come freno per la caduta dei capelli sia come stimolante della ricrescita dei capelli. La Finasteride produce un effetto migliore nel momento in cui è usata per rallentare i primi segni di caduta dei capelli sebbene sia efficace anche nel rallentare la calvizie anche quando questa sia già a stadi più avanzati.

Trapianto in Turchia

Se ne parla tanto, molti lo scelgono. Conviene davvero?

Ultimamente sempre più pazienti chiedono informazioni sul trapianto di capelli in Turchia, sui prezzi estremamente bassi e sulla presunta elevata qualità del lavoro

Il primo motivo per cui non bisogna affidarsi alle cliniche orientali è quello che spesso questi pacchetti promozionali vengono venduti dove lavorano equipe poco preparate e non formate che commettono parecchi errori. Il più grave è quello di prelevare capelli non idonei, destinati cioè a cadere, banalmente perché l’operatore - spesso nemmeno infermiere - non sa quali sono i capelli giusti.

Fatte queste premesse, riteniamo che non vi sia una reale convenienza nell'effettuare un trapianto di capelli in Turchia, per i motivi seguenti:

Professionalità: In Italia vi sono bravissimi professionisti che praticano prezzi di poco superiori o addirittura simili. Se poi si considerano le inevitabili spese "nascoste" si arrivano a pagare spese anche superiori in Turchia.

Sicurezza: I colleghi turchi sono molto bravi e professionali, ma è evidente che non possono fornire tutte le garanzie che il paziente può avere in Italia. Tanto per fare un esempio, se qualcosa andasse storto sarebbe più difficile per il paziente far valere i propri diritti in terra straniera.

Ancora una volta è la professionalità a fare la differenza, il paziente si deve informare, deve ascoltare diversi Medici prima di decidere e deve imparare a saper distinguere un professionista serio da uno improvvisato.

Cerchi altre informazioni sul trapianto di capelli?